Cervicalgia


Se senti un peso che ti comprime la testa, hai vertigini e nausea, o un blocco nella rotazione del capo che rende anche difficile guidare l’automobile, molto probabilmente si tratta di una cervicalgia.

Con l'espressione dolore cervicale (cervicalgia) si intende un dolore che origina dal collo e si può irradiare alle spalle (muscolo trapezio), alla testa e, nei casi più gravi, alle braccia.

Molto spesso questo genere di problema deriva da un trauma come ad esempio una caduta, oppure un incidente stradale che ha portato alla distorsione del rachide cervicale.

Incidono frequentemente anche le cattive abitudini di postura, in particolare quando si sta seduti per molte ore alla scrivania, o fattori di stress che portano all'irrigidimento dei muscoli cervicali.

La cervicalgia acuta è definita come il dolore in regione cervicale presente da meno di tre mesi, normalmente dovuto a stress e/o a posture e movimenti scorretti protratti. In taluni casi la causa è una distorsione acuta della colonna cervicale, risultato di forze improvvise applicate sul corpo, ovvero il cosiddetto colpo di frusta durante un incidente automobilistico o sportivo.

La cervicalgia può rendere spesso difficoltosi i movimenti del collo, fino ad arrivare al blocco completo alla rotazione del capo associato a dolore, chiamato così torcicollo.

Nelle forme croniche la durata dei sintomi va oltre i 6 mesi. Con il passare del tempo si vanno ad aggiungere processi degenerativi legati alla retrazione cronica dei tessuti molli (muscoli e non solo), e il dolore può diventare invalidante, non abbandonando chi ne soffre neppure di notte. Nelle situazioni più gravi, si possono registrare episodi di vertigini e nausea

Un altro segno importante di peggioramento della condizione clinica si ha quando il dolore si irradia lungo le braccia, arrivando a volte agli avambracci e alle mani (cervicobrachialgia).

La cervicalgia cronica si presenta con maggior frequenza nelle donne, e la prognosi è molto influenzata da situazioni di stress cronico.

Tanto per le forme acute, quanto per quelle croniche, caratteristica è l’associazione al mal di testa (cefalea muscolo tensiva).